Stampa

Vincitori del concorso

Vincitori del concorso

Vincitori del concorso

 

 

VINCITORI DEL CONCORSO 

Il Premio Letterario Internazionale di Poesia e Narrativa “UN SENSO ALLE IDEE 2019” è alla 2° edizione per la casa editrice AnyName. 

Passiamo a conoscere uno per uno in ordine alfabetico i vincitori:

  • ARFISIO Lorenzo

Vincitore del 1° PREMIO nella sezione “A TEMA LIBERO” nella sottosezione “narrativa inedita” con l'elaborato: “Brevi considerazioni su me stesso”.

La semplice e suggestiva descrizione di un percorso di vita professionale ed affettivaè stata sviluppata, in modo particolare, verso la sfera emotiva. L’autore ha toccato un aspetto sociale molto importante, ossia l’insoddisfazione che spesso incontriamo tra la gente. Pur vivendo in una società del benessere, pur avendo raggiunto importanti obiettivi professionali, la gente non gode a pieno di tutto ciò che ha conquistato. Invece l’autore ha voluto confessare apertamente quanto sia felice dei suoi traguardi e come si proietti verso il futuro beneficiando delle piccole conquiste quotidiane. La felicità sta nelle piccole cose.

  • ATTANASI Luca

Vincitore del 2° PREMIO nella sezione “A TEMA LIBERO” nella sottosezione “narrativa inedita” con l'elaborato: “Il conto”.

L’autore ha descritto in modo originale la diversità umana, usando magistralmente figure simboliche e metaforiche. Leggere questo racconto ha fatto meditare la giuria su quanti volti ha la gente, quante storie, quanti difetti. Ma tutti, alla fine, si siedono ad un tavolo della vita e ne pagano il conto.

  • AZZARITO Cosimo

Vincitore del 1° PREMIO nella sezione “A TEMA LIBERO” nella sottosezione “poesia inedita” con l'elaborato: “Amore”.

L’autore ha sublimato il sentimento dell’amore. L’amore come stampella a cui aggrapparsi per vivere. Amore come necessità primordiale per essere felici.

  • BRUNO  Chiara

Vincitrice del 1° PREMIO nella sezione “UN SENSO AL RICORDO” nella sottosezione “poesia inedita” con l'elaborato: “Crescere”.

L’autrice, nel suo elaborato, sviluppa lentamente tutte le paure e le sensazioni che si provano durante la crescita dell’essere umano. Sensazioni ormai dimenticate per chi è già adulto. Restano, invece,sensazioni ricorrenti in chi si affaccia alla vita e si pone mille domande.

  • BUCCI  Mario

Vincitore del 2° PREMIO nella sezione “UN SENSO AL RICORDO” nella sottosezione “poesia inedita" con l'elaborato: “A lei”

L’autore descrive l’amore come una presenza discreta che ti avvolge ma non ti soffoca anzi ti rende più sereno. L’amore deve trasfondere gioia e sollievo. Così come un/a compagno/a deve rassicurare senza asfissiare, deve accompagnare senza imprigionare, deve curare senza generare ansia.

  • DE TOMMASO Giovanni

Vincitore del 3° PREMIO nella sezione “UN SENSO AL RICORDO” nella sottosezione “narrativa inedita” con l'elaborato: “La pioggia”

L’autore ha descritto in modo dettagliato un fortuito incontro tra un uomo ed una donna. Dettagliata è stata la descrizione anche delle sensazioni provate dal protagonista della storia. La magia sta nel coinvolgimento del lettore nella vicenda, sembra quasi di viverla in prima persona.

  • GRILLI  Maria

Vincitrice del 2° PREMIO nella sezione “A TEMA LIBERO” nella sottosezione “poesia inedita” con l'elaborato: “Per te che sei”.

L’autrice, nel suo elaborato, sviluppa lentamente tutte le paure e le sensazioni che si provano durante l’innamoramento. L’innamorato si fa mille domande, si crea dei problemi inesistenti, mette in dubbio il sentimento che prova verso l’amato/a. Poi, però, l’amore ha sempre il sopravvento e quando incontri l’amato/a sei solo felice di stare con lui/lei. Non hai più dubbi, sai che lui/lei è la tua unica ragione di vita.

  • MANCINO Angela Carla Chiara

Vincitrice del 3° PREMIO nella sezione “A TEMA LIBERO” nella sottosezione “narrativa inedita” con l'elaborato: “E i sogni stanno a guardare”.

L’autrice, nel suo elaborato sviluppato in stile fantasy, fa interpretare ai suoi personaggi tutte le paure e le sensazioni che si provano durante la ricerca dei propri sogni. La ricerca di un sogno, proprio perché tale, costa fatica e genera infinite incertezze. Spesso i sogni sono tanti e non sappiamo scegliere, né qualcuno ci può aiutare a farlo. E’ la vita o, per chi ci crede, il destino a guidarci.

  • MONOPOLI Giovanni

Vincitore del 3° PREMIO nella sezione “A TEMA LIBERO” nella sottosezione “poesia inedita” con l'elaborato: “La sedia vuota”

La sensibilità e l’attenzione con cui l’autore ha descritto la sedia vuota lasciata da chi non c’è più, perché è partito per un lungo viaggio senza ritorno. Fa riflettere e commuovere. Nel messaggio poetico dell’autore traspare la consapevolezza della tristezza infinita che lascia l’assenza di una persona cara. Quella sedia vuota, prima o poi, verrà occupata da altri ma … per chi ha subito la perdita di un caro congiunto quella sedia sarà sempre vuota. Chi è andato via per sempre è insostituibile.

  • PAGANO Davide

Vincitore del 3° PREMIO nella sezione “UN SENSO AL RICORDO”  nella sottosezione “poesia inedita” con l'elaborato: “Perché le persone possono ricordare?”.

In fondo questa è la vita: “Vagare nei ricordi e sognare”.L’autore termina in questo modo il suo elaborato, quasi come rassegnato che la vita è fatta solo di ricordi. In realtà, l’autore manifesta anche angoscia nel pensare ai ricordi, ne ha paura e li vorrebbe evitare. Ecco che si ripropone il quesito ricorrente ossia “Perché le persone possono ricordare?”

  • PUNZI Vincenzo

Vincitore del 2° PREMIO nella sezione “UN SENSO AL RICORDO” nella sottosezione “narrativa inedita” con l'elaborato: “I nonni in guerra”.

L’autore, nel suo elaborato, ha voluto riproporre un evento storico molto sentito: la Seconda Guerra Mondiale e la storia dei suoi nonni . Se ne sono sentite tante di storie su questo tema ma tutte diverse e tutte originali. Per non dimenticare.

  • ZANNI  Claudia

Vincitrice del 1° PREMIO nella sezione “UN SENSO AL RICORDO” nella sottosezione “narrativa inedita” con l'elaborato: “Nina e Vittorio”.

L’autrice, nel suo elaborato, racconta la storia di una sua vicina di casa. Una donna che ha conosciuto sin da quando era molto piccola. Una storia di miseria e di dignità estrema, che si presenta come una denuncia alle cattiverie del mondo.